×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 704

ONU: "Il 90% delle catastrofi degli ultimi 20 anni sono causate dal clima"

Vota questo articolo
(1 Vota)

Secondo l'Ufficio per la riduzione del rischio di catastrofi dell'ONU (UNISDR) e il Centro di ricerca sull'epidemiologia dei disastri (CRED) "circa il 90% delle catastrofi registrate nel mondo negli ultimi 20 anni sono causate da fenomeni legate al clima, come inondazioni, tempeste, canicole e siccità". 

I dati contenuti nel rapporto "The Human Cost of Weather Related Disasters" evidenziano che i cinque paesi più colpiti da questi tipi di catastrofi sono gli Stati Uniti (472), la Cina (441), l'India (288), le Filippine (274) e l'Indonesia (163).

Dal 1995 (anno della prima Conferenza mondiale sui cambiamenti climatici) sono morti circa 606.000 individui e 4,1 miliardi di persone sono state ferite o hanno perso le abitazioni o hanno avuto bisogno di assistenza di emergenza a causa di catastrofi legate al clima.

L’UNISDR stima che siano tra 250 e 300 miliardi di dollari le perdite annue subite dalle economie di tutto il mondo a causa di catastrofi naturali.

Negli ultimi 20 anni le alluvioni hanno rappresentato il 47% di tutti i disastri legati al clima e hanno danneggiato 2,3 miliardi di persone, uccidendone 157.000; le tempeste sono i disastri meteorologici più letali: hanno causato 242.000 decessi, il 40% delle morti legate al clima, con l’89% di queste morti che si sono verificate nei Paesi a basso reddito; le ondate di calore hanno provocato 148.000 delle 164.000 vittime dovute alle temperature estreme, il 92% delle morti per caldo si è verificato nei Paesi ad alto reddito, il 90% in Europa; la siccità colpisce l’Africa più di ogni altro continente, facendo registrare nella sua zona orientale 77 eventi sui 136 manifestati a livello globale.

Il direttore del CRED, Debarati Guha-Sapir, ha concluso: "Dobbiamo ridurre le emissioni di gas serra e affrontare altri fattori di rischio come lo sviluppo urbano non pianificato, il degrado ambientale e i gap negli allarmi preventivi. Tutto questo richiede di assicurarci che le persone siano informate del pericolo e il rafforzamento delle istituzioni che gestiscono il rischio di catastrofi».

Percentuale di calamità naturali per tipo

Letto 7119 volte Ultima modifica il Giovedì, 12 Maggio 2016 10:13