×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 704

Cosa comporterà raggiungere gli obiettivi della COP21?

Vota questo articolo
(0 Voti)

Nel dicembre 2015, durante la COP21, è stato raggiunto l’Accordo di Parigi per il clima, che prevede di limitare ben al di sotto dei 2 °C l’aumento della temperatura terrestre e di fare tutto il possibile per ridurre tale incremento a 1,5 °C, oltreché il raggiungimento della neutralità carbonica nella seconda metà del secolo.

Cosa comporteranno però nel concreto questi due obiettivi?

L’Italy climate report 2016, di recente pubblicazione da parte delle Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile (FOSS), ce lo evidenzia chiaramente.
Scenario coerente con l’obiettivo dei 2 °C proposto dall’IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change):

  • entro il 2050, - 45% gas effetto serra rispetto al 1990;
  • entro il 2100, - 90% gas effetto serra rispetto al 1990;
  • entro il 2030, emissioni pro capite da 7 tCO2eq attuali a 4/4,5 tCO2eq;
  • entro il 2050, emissioni pro capite da 7 tCO2eq attuali a 2 tCO2eq;
  • entro il 2100, emissioni pro capite da 7 tCO2eq attuali a meno di 0,5 tCO2eq.

Scenario coerente con l’obiettivo dei 1,5 °C:

  • entro il 2050, riduzione superiore all’85% di gas effetto serra rispetto al 1990;
  • entro il 2070, azzeramento delle emissioni globali nette di gas serra;
  • entro il 2030, emissioni pro capite da 7 tCO2eq attuali a meno di 3 tCO2eq;
  • entro il 2050, emissioni pro capite da 7 tCO2eq attuali a meno di 0,5 tCO2eq.

Cosa accadrà, più nello specifico, nell’area europea?

Il raggiungimento degli obiettivi fissati dall’Accordo di Parigi richiederà necessariamente di ricalibrare i target di riferimento stabiliti all’interno del Pacchetto Europeo per il clima al 2030 con obiettivi molto più ambiziosi su emissioni di gas serra, fonti rinnovabili ed efficienza energetica:

  • entro il 2030, riduzione delle emissioni del 50-55% rispetto al 1990 (contro il 40% del pacchetto 2030 corrispondente al target dei 2 °C);
  • entro il 2050, riduzione del 90-95% (contro il 79-82% indicato dalla roadmap dei 2 °C);
  • tra il 2060 e il 2070, l’azzeramento delle emissioni nette.
Letto 851 volte Ultima modifica il Venerdì, 06 Maggio 2016 19:04